ORARI

Orari segreteria
lun-ven dalle 9.00 alle 17.00

tel. 081 841 6349

Accoglienza Residenziale

 acc res

 

 

ACCOGLIENZA RESIDENZIALE

Una possibile inidoneità della famiglia d’origine ad allevare, istruire e soprattutto educare il pro-prio figlio era già stata prevista dai costituenti e codificata nell’art. 30 della nostra Costituzione, che afferma il principio per cui nei casi di incapacità dei genitori, la legge provvede a che siano assolti i loro compiti (è sottinteso da altri).
La legge 184/83 “Disciplina dell’adozione e dell’affidamento dei minori” costituisce una specie di “rivoluzione copernicana” del nostro ordinamento giuridico, ponendo al centro dell’attenzione l’interesse del minore, non quello dell’adulto. Un interesse del minore che va tutelato, così come dispone la legge, ricercando per lui e con lui la migliore risposta possibile alla situazione di disagio sua o della sua famiglia, attivando per questo tutte le risorse possibili, istituzionali e non, ed aven-do solo come extrema ratio il ricorso all’istituto assistenziale.
In questo senso si comprende l’importanza di percorrere tutte le strade che la fantasia educativa può trovare affinché l’intervento di aiuto sia effettivamente mirato sui bisogni del ragazzo e della sua famiglia.
Tra i possibili interventi, la legge prevede (art. 2) quello della comunità di tipo familiare laddove non sia possibile o opportuno l’immediato affidamento ad una famiglia o a una singola persona.
La comunità educativa a dimensione familiare per minori si caratterizza per un’organizzazione di vita di tipo familiare e per la presenza di un’équipe educativa di operatori sociali stabili che condi-vidono tempi e spazi della comunità. Il numero dei minori ospiti non deve essere superiore a sei e deve tener conto dell’età, delle problematiche e delle tipologie previste. La comunità ospita ra-gazzi con PEI concordato con i servizi pubblici di riferimento. La struttura di accoglienza è una normale abitazione, con dimensioni congrue al servizio che si offre. Rispetto al numero degli edu-catori, il rapporto operatori/utenti deve garantire una proficua relazione educativa, per cui si ri-tiene opportuno che esso sia, di norma, di 1 a 3.

CASA IRENE
Casa Irene è la prima comunità educativa della cooperativa. Aperta nel novembre del 2000, è ispi-rata ai principi fondativi della cooperativa Irene ’95: solidarietà, accoglienza senza condizioni, pa-ce.
Casa, perché la dimensione dell’accoglienza vuol essere, appunto, familiare; il calore delle rela-zioni familiari, le dimensioni di una casa ampia e accogliente, vogliono essere, per i ragazzi accol-ti, quell’ambiente terapeutico-educativo globale che favorisca percorsi di cura, tutela, empower-ment.
Irene, dal greco, vuol dire, appunto, “pace”: una pace che viene dai conflitti affrontati e risolti, dalla convivialità delle differenze, dalla serenità d’animo conquistata-riconquistata che è garanzia di crescita armonica ed emancipazione.

TOP

THEME OPTIONS

Header type:
Theme Colors:
Color suggestions *
THEME
* May not have full accuracy!